Tempo fa ho assistito a uno speech di Alessandro Proto, personaggio molto discusso, entrato alla ribalta della comunicazione e dell’opinione pubblica per una serie di comunicati stampa spregiudicati che l’hanno reso famoso, comunicati mai del tutto verificati nella loro veridicità.

Alessandro Proto è definito come un impostore all’interno di un libro a lui dedicato.

È un comunicatore che ha creato un proprio metodo incentrato sulla POTENZA DEL MESSAGGIO DIRETTO, un messaggio provocatorio che dà sempre ampio spazio alla sua stessa persona coinvolgendo personaggi famosi, che in qualche modo dovranno poi andare a confermare o a smentire le sue affermazioni.

In questo modo è salito alla ribalta del jetset e ha attirato l’attenzione di una serie di investitori diventando un vero e proprio fenomeno internazionale.

Cosa si evince da tutto questo?

  1. Che molto spesso ci limitiamo nel comunicare per la paura di non essere sufficientemente informati o formati, di non essere all’altezza. Quando poi nella realtà vediamo che una comunicazione efficace ha smosso il mondo.
  2. Che NON COMUNICARE quello che uno sa è peggio che non comunicare in generale. Bisogna fare, anche se non in modo perfetto, l’importante è FARE.

Le soluzioni sono a portata di mano, sono già nella nostra testa, basta solo applicarle.

In conclusione: la comunicazione è importante, ma ancora più importante è AGIRE.

Stefano Benvenuti

alta fedeltà

Listen to “Quando La Comunicazione Spregiudicata Diventa Virale” on Spreaker.